La ricetta del ferro: pubblicazione del nuovo libro

   Senza categoria

Esiste un ferro che ha proprietà straordinarie. È in grado di perforare gli scudi dei legionari romani con una facilità sconosciuta per le frecce e le lance fatte del normale metallo, e non invecchia. Possederlo darebbe un notevole vantaggio a Roma contro i suoi nemici, ma arriva da troppo lontano per poter sperare di scoprirne il segreto: si dice che lo estragga un popolo mostruoso, che abita in una terra d’Oriente al di là di quelle visitate da Mégas Aléxandros, dove nessun romano è mai stato. È lo stesso popolo da cui arriva la preziosa e lussuosa seta, ma oltre a ciò non è possibile sapere. La strada che porta a loro è custodita gelosamente dall’odiato popolo dei Parti.

Anno 772 dalla fondazione di Roma. La provincia della Germania è sconvolta da un’imprevista rivolta. Le legioni di presidio oltre il fiume Rhenus sono attaccate in una serie d’agguati e devono lottare contro la vita. È in questo clima turbolento che il giovane generale Germanicus s’imbatte, quasi per caso e in un luogo impensabile, in un oggetto fatto del potente metallo: cosa ci fa lì e come ci è arrivato? Queste sono le prime domande che potrebbero aiutare i romani a ripensare i confini del mondo e le strade per arrivarci. Germanicus passa all’azione e organizza un gruppo di informatori e studiosi, incaricati di svelare la via dell’Oriente. Una sola generazione di romani, però, non sarà sufficiente a trovare la strada che permetta loro di conoscere la ricetta del ferro: ci saranno ostacoli, imprevisti e, soprattutto, la misteriosa geografia del mondo a mettersi di mezzo. “La ricetta del ferro” è il racconto (del tutto immaginario) del secolare sforzo compiuto da un gruppo di romani per arrivare nella lontana Cina degli Han e per stabilire con loro un contatto. Gli sviluppi di questa relazione non saranno sempre facili e i due popoli, un giorno, potrebbero arrivare allo scontro.

Il libro è consultabile nella sezione delle opere.

Nessun commento

Lascia un commento